Blog

MNT indaga: uno sguardo più attento agli inibitori IL-23 per la psoriasi

healthblog

MNT indaga: uno sguardo più attento agli inibitori IL-23 per la psoriasi

MNT indaga: uno sguardo più attento agli inibitori IL-23 per la psoriasi

La psoriasi è una condizione autoimmune cronica che colpisce la pelle, in genere causando lo sviluppo di patch rosse e squamose. Queste patch possono essere pruriginose e dolorose.

I medici possono trattare la maggior parte dei casi di psoriasi da lieve a moderata con terapia della luce o farmaci topici, come creme o unguenti.

Tuttavia, persone con moderate Alla psoriasi grave spesso richiede altri trattamenti. Questi individui possono trarre vantaggio dall’assunzione di un tipo di farmaco noto come biologico.

Inibitori di interleuchina-23 (IL-23) sono uno dei vari tipi di biologici che possono trattare la psoriasi da moderata a grave.

In questo articolo, forniamo una panoramica degli inibitori di IL-23 e spieghiamo come funzionano per trattare questa condizione.

Come funzionano gli inibitori dell’IL-23

I biologici sono farmaci a base di proteine ​​che prendono di mira parti specifiche del sistema immunitario.

Inibitori IL-23 colpiscono un tipo di citochina chiamata IL-23. Le citochine sono una classe di proteine ​​che aiutano a trasmettere segnali da una cellula all’altra. IL-23 svolge un ruolo in una via di segnalazione che innesca l’infiammazione.

Inibitori IL-23 bloccano l’azione di IL-23, che può aiutare a limitare l’infiammazione che causa i sintomi della psoriasi.

Il trattamento con inibitori IL-23 può aiutare a ridurre la quantità di pelle che la psoriasi colpisce. Può anche alleviare i sintomi, come prurito, dolore e tensione della pelle.

Tipi di inibitori IL-23

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato tre tipi di IL -23 inibitori per il trattamento della psoriasi da moderata a grave negli adulti.

Guselkumab (tremfya)

Tremfya è un tipo di inibitore di IL-23 autoiniettabile. Le persone che prendono questo farmaco possono iniettarlo sotto la pelle con una siringa predefinita o un auto-iniettore.

Il dosaggio standard https://prodottioriginale.com/ è un’iniezione all’inizio del trattamento, un’iniezione nella quarta settimana di trattamento L’iniezione ogni 8 settimane dopo.

Secondo la sperimentazione clinica risultati nel Journal of American Academy of Dermatology, Tremfya è un trattamento efficace per la psoriasi da moderata a grave. Dopo 16 settimane, il 70% delle persone che hanno assunto questo farmaco ha avuto un miglioramento di almeno il 90% nell’area interessata e la gravità delle loro condizioni.

Risankizumab-Rzaa (Skyrizi)

Skyrizi è un altro tipo di inibitore IL-23 autoiniettabile. Le persone che prendono Skyrizi possono amministrarlo usando una siringa preimpegnata.

Il dosaggio standard è un’iniezione di 150 milligrammi all’inizio del trattamento, a 4 settimane e ogni 12 settimane dopo.

Secondo uno studio presente nel New England Journal of Medicine, il 77% delle persone con psoriasi da moderata a grave, che ha preso Skyrizi per 12 settimane, ha registrato miglioramenti del 90% o più nei loro sintomi.

Tildrakizumab-ASMN (Ilumya)

Ilumya è un inibitore IL-23 che un medico dovrà iniettare.

Inietteranno il farmaco sotto la pelle dell’individuo una volta all’inizio del trattamento, una volta a 4 settimane e una volta ogni 12 settimane da allora in poi.

Ricerca pubblicata in Lancet trovata che dopo 12 settimane di trattamento, il 62-64% delle persone con psoriasi da moderata a grave, che hanno ricevuto ilumya, ha mostrato miglioramenti di almeno il 75%.

Rischio di effetti collaterali

il -23 Gli inibitori tendono a causare pochi effetti collaterali e gravi effetti avversi sono molto rari.

Tuttavia, assumere inibitori dell’IL-23 può aumentare il rischio di infezioni, come:

    Infezioni respiratorie superiori

  • Alcune infezioni fungine
  • un’infezione da herpes simplex
  • Diarrea infettiva

Altri potenziali effetti collaterali Includi:

  • Dolori articolari
  • Reazioni del sito di iniezione

Le reazioni del sito di iniezione possono causare sintomi, come arrossamento, gonfiore, gonfiore, gonfiore, gonfiore, gonfiore, gonfiore, gonfiore, gonfiore dolore, o prurito.

In rari casi, le persone possono sperimentare gravi reazioni allergiche dopo aver assunto inibitori dell’IL-23. Coloro che assumono tremfya possono sperimentare un aumento dei livelli di enzimi epatici.

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare se gli inibitori dell’IL-23 sono sicuri per le donne, che sono in gravidanza o allattamento.

Anche i ricercatori devono Valuta ulteriormente la sicurezza a lungo termine degli inibitori dell’IL-23. Ad esempio, gli scienziati vogliono imparare se questi farmaci influiscono sul rischio di tumori.

"Dato che sopprime il sistema immunitario, esiste una preoccupazione teorica per un aumento del rischio di tumori malignità – o il cancro", Dr. Saakshi Khattri, M.D., il direttore del Center for Connective Tissue Diseases a Mount Sinai a New York, ha detto a Medical News Today.

“[Ma] nei modelli animali, il blocco di IL-23 non sembra causare il cancro , "Ha aggiunto il Dr. Khattri.

Gestire i rischi

Prima di prescrivere un inibitore IL-23, l’American Academy of Dermatology e la National Psoriais Foundation consigliano i medici a:

  • Valuta la salute metabolica della persona
  • Controlla il test del sangue completo dell’individuo
  • Test per la tubercolosi latente, l’epatite B e l’epatite C
  • Eventuali infezioni attive

Mentre le persone assumono inibitori di IL-23, i medici dovrebbero monitorarli per gli effetti collaterali.

"I pazienti su questi farmaci vengono per i check-in periodici con i loro dermatologi, in cui vengono poste domande relative a eventuali effetti collaterali o vengono discussi e affrontati eventuali nuovi sintomi", ha detto il dott. Khattri a MNT.

Altre opzioni di trattamento

Gli inibitori IL-23 non sono gli unici biologici che trattano la psoriasi da moderata a grave.

La FDA ha anche approvato i seguenti biologici per trattare questa condizione:

  • Fattore di necrosi tumorale (TNF)-Alpha inibitori: adalimumab (Humira), certolizumab pegol (cimzia) , etanercept (enbrel) e infliximab (remicade)
  • Inibitori IL-17: secukinumab (costyx), ixekizumab (taltz) e brodalumab (siliq)
  • IL-12/IL -23 inibitore: ustekinumab (stelara)

I medici possono anche prescrivere uno o più dei seguenti trattamenti:

  • terapia di luce, nota anche come fototerapia
  • Trattamenti topici, come steroidi topici, vitamina D o vitamina A, o un farmaco chiamato antrallina (Zithranolo-RR)
  • Tradizioni sistemiche tradizionali, come acitretina (soriatano), ciclosporina, o metotrexato
  • Un inibitore della fosfodiesterasi 4 (PDE4) chiamato Apremilast (OTEZLA)

Se un trattamento non funziona, i medici possono prescrivere un altro trattamento. Possono anche raccomandare modifiche a un piano di trattamento se la persona sperimenta effetti collaterali che sono difficili da tollerare.

Scegliere un trattamento

quando decidono quale trattamento provare, medici e individui possono prendere Quanto segue:

  • Quanto bene i trattamenti precedenti hanno funzionato
  • Se la persona ha una storia di determinate condizioni di salute, come l’artrite psoriasica, la malattia infiammatoria intestinale, la sclerosi multipla, Alcuni tipi di cancro, o malattie cardiache
  • Le preferenze dell’individuo su come somministrare il trattamento o quanto spesso devono prenderlo
  • i costi vive del trattamento

"Penso che la decisione sia complessa", ha detto il dott. Bruce Brod, M.D., professore clinico di dermatologia all’Università della Pennsylvania Perelman School of Medicine di Filadelfia, a MNT.

"Penso che sia una decisione presa caso per caso, a seconda delle comorbidità del paziente, della tolleranza al rischio personale del paziente, della PA L’assicurazione di Tient, l’esposizione del paziente ad altri biologici precedenti e altri fattori ", ha affermato.

Domande frequenti

Quali farmaci sono gli inibitori IL-23?

Ili-23 Inibitori includono:

  • Guselkumab (tremfya) è una forma auto-iniettabile di un IL-23 Approvato per il trattamento della psoriasi della placca e dell’artrite psoriasica.
  • Risankizumab-Rzaa (Skyrizi) è un IL-23 autoiniettabile approvato per trattare la psoriasi della placca, l’artrite psoriatica e la malattia di Crohn.
  • Tildrakizumab-amn (Ilumya) è un IL-23 somministrato da un medico e approvato per trattare la psoriasi della placca.

Cos’è il Differenza tra Skyrizi e Ilumya?

Skyrizi è il marchio per Risankizumab-Rzaa, un inibitore IL-23 auto-iniettabile approvato per trattare la psoriasi della placca negli adulti, che sono candidati per la terapia sistemica o la fototerapia, anche come artrite psoriasica e malattia di Crohn. Ilumya è il marchio per Tildrakizumab-ASMN, che un medico deve somministrare per il trattamento della psoriasi della placca negli adulti, che sono candidati per terapia sistemica o fototerapia.

è costyx un inibitore IL-23?

costyx non è un inibitore IL-23.

Cosentyx è un inibitore IL-17 approvato per trattare la psoriasi della placca, l’artrite psoriasica, la spondilite anchilosante, la spondiloartrosi assiale non radiografica e l’artrite correlata all’ingesite.

Qual è la differenza tra inibitori IL-17 e IL-23?

IL-17 e IL-23 Gli inibitori sono entrambi i tipi di citochine che possono contribuire allo sviluppo della psoriasi. Tuttavia, la produzione di IL-17 dipende dall’azione di IL-23 nel corpo.

Takeaway

Gli inibitori dell’interleuchina-23 sono tra i tanti farmaci che i medici possono usare per trattare Psoriasi da moderata a grave.

La maggior parte delle persone che assumono inibitori IL-23 sperimentano pochi effetti collaterali. Tuttavia, questi farmaci possono talvolta aumentare il rischio di infezione di una persona. In alcune persone, possono raramente causare una grave reazione allergica.

Per saperne di più sui potenziali benefici e rischi di diversi trattamenti per la psoriasi, una persona può parlare con un medico.

  • Sistema immunitario/vaccini

Contents